I tarocchi di Gabriella

I tarocchi di Gabriella sono carte che possono essere utilizzate per la predizione del futuro. Dal bagatto alla papessa, dalla giustizia all’eremità, dal diavolo alla torre, sono molte le figure che vengono rappresentate: tra le altre, vale la pena di menzionare le stelle, la ruota, l’imperatrice, il matto, l’imperatore, la forza, la luna, il sole, il giudizio, il mondo, la morte, il carro, il papa, e così via.

Ma qual è il significato dei tarocchi di Gabriella? Si può prendere a esempio uno degli arcani maggiori, vale a dire il bagatto (o mago, che dir si voglia): si tratta di una figura tipica delle piazze del Medio Evo che corrisponde a un giovane che è stato avviato all’arte della magia. Nella sua mano sinistra si può notare la bacchetta del comando, che sta a indicare il fuoco primordiale, mentre nella sua mano destra sono presenti gli attrezzi del mestiere che svolge, ognuno dei quali – a sua volta – è caratterizzato da un simbolismo ben preciso. La coppa, per esempio, corrisponde all’acqua ed è l’emblema della sapienza, mentre i dadi corrispondono alla terra e sono l’emblema del potere della volontà, senza dimenticare il coltello, che corrisponde all’aria ed è l’emblema del coraggio.

Il bagatto è il primo dei ventidue arcani maggiori che fanno parte dei tarocchi di Gabriella ed è caratterizzato dal fuoco come elemento distintivo. Nel momento in cui viene estratto dritto, preannuncia l’inizio di un’azione nuova, soprattutto se è affiancato da lame positive; dal punto di vista professionale, per esempio, può essere foriero di un’impresa o di un’attività commerciale che si può tradurre in una discreta occasione di guadagno, mentre dal punto di vista dei sentimenti può indicare il principio di una nuova amicizia o di un vero e proprio amore, magari sotto forma di colpo di fulmine.